Urban Attitude Blog

Il blog ufficiale di Urban Attitude Italia

Anni ’50 in Testa! Come Acconciare i Capelli Stile Anni ’50

Corti e ricci come Liz Taylor o biondi e ondulati come Grace Kelly? Perchè non raccolti in un morbido chignon sulla nuca o in una coda di cavallo, come quella lanciata dalla meravigliosa Brigitte Bardot? Ogni epoca  ha i suoi imperativi, quello degli anni 50 è avere acconciature perfette, completate con l’ immancabile cappello e un make up sofisticato.

Dalle Pin Up alle Casalinghe: gli stili anni ’50

Non c’è chioma che non sia mossa, da quelle della pin up a quelle delle casalinghe! Perchè? Ma perchè questa è l’era dei bigodini. In ferro, in plastica, colorati, fermati da becchi o retine. Abbondanti spruzzate di lacca e qualche ora di sonno permettevano alle signore, ancora sprovviste di asciugacapelli, di ottenere una piega più che soddisfacente, senza bisogno di ricorrere al casco della parrucchiera, e sfoggiare così visi incorniciati da boccoli e onde fatti in casa. La coda di cavallo, adornata con nastri colorati, era prerogativa delle giovani che, per esigenza e comodità, durante il giorno sceglievano uno stile casual, ma la sera anche loro optavano per  raffinati e morbidi chignon e cappellini. Il vero must di questi anni è il corto: capelli alla maschietto, con corte frangette, che incarnavano perfettamente il desiderio di emancipazione femminile del dopoguerra, senza però privarsi della propria eleganza e femminilità.


Le dive anni ’50

La diva da imitare era l’inarrivabile e indimenticata Audrey Hepburn. I capelli così tagliati lasciavano scoperte le orecchie e i designer di allora non persero tempo, provvedendo subito a creare i giusti monili per decorarle, in primis lo stilista di alta moda Christian Dior. Teste sofisticate e impeccabili alla Doris Day, platinate come Marilyn Monroe, con riccioli vaporosi a sottolineare la bellezza di volti con splendide labbra rosse.

Pettinature Rockabilly

Se le donne erano in fermento per la lenta ma inesorabile emancipazione, gli uomini si preparavano a grandi novità. Per la prima volta, dopo la lunga ed estenuante Seconda Guerra Mondiale, il taglio militare veniva abbandonato e le chiome lasciate crescere, impomatate con abbondanti dosi di brillantina che rendeva i capelli morbidi lucenti e profumati, in perfetto stile Elvis Presley. “Ciuffi a banana”, “Pomp”, così erano chiamate le pettinature Rockabilly per eccellenza. Gli esperimenti più svariati vengono fatti degli uomini con le loro chiome, motivo di vanto, da tenere sempre in ordine con l’immancabile pettine, dai denti molto fini, tenuto nel taschino, proprio come Travolta in “Grease”. Le capigliature anni 50 vengono spesso riproposte per la loro eleganza e originalità, sia nell’universo maschile, sia in quello femminile, non di rado utilizzando i ciuffi al fine di creare uno stile androgino per la donna. Lungo tutto il 2010, anche sulle passerelle, sono tornate in gran voga, soprattutto nelle sfilate di Miuccia Prada della stagione Autunno / Inverno. Anche agli Oscar, nel Marzo 2010, le star sul red carpet hanno esibito i morbidi chignon, e le tipiche rotondità dell’epoca, rendendo omaggio alle dive di quel magico decennio.

Stile Pin Up in 3 minuti: come acconciare i capelli in stile Anni ’50

Visita la nuova collezione Anni ’50 su urbanattitude.it per scoprire come rievocare lo stile delle dive anni ’50 e per completare il look segui questo video tutorial su come acconciarsi i capelli ed essere una perfetta pin up!

Enjoy xx

About these ads

Written by urbanattitudeblog

20 febbraio 2011 at 20:15

Pubblicato su Anni 50

Tagged with , , , ,

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. [...] retrò che si accordano perfettamente ai negozi e hair salons in stile vintage, soprattutto anni ’50, nelle immediate [...]


I commenti sono chiusi.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 142 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: