Urban Attitude Blog

Il blog ufficiale di Urban Attitude Italia

Moda Pin up: Ragazze da appendere!

Le ragazze Pin Up nascono negli anni venti, grazie all’ idea di alcuni pubblicitari americani che vogliono enfatizzare la bellezza femminile esaltandone sensualità ed ironia,  ma è nel secondo dopo guerra che esplode il fenomeno delle procaci ragazze in costume che ammiccano nelle riviste.

Le pin up anni 50 rappresentano la speranza, dopo la fame della guerra, con eleganza e sofisticata ostentazione che fa sognare gli uomini, senza scadere nella pornografia.

Questa categoria di sex-symbol si diffuse su molte riviste settimanali già negli anni della guerra, attirando l’attenzione del pubblico maschile, ma soprattutto dei militari, che appendevano le foto nei loro armadietti e nelle tende, da cui il termine “ragazza Pin Up” – da appendere.
Sono loro le icone del decennio della Dolce Vita.

Ma cosa caratterizza una vera Pin up?

Fascino e sensualità, in primis, possibilmente un seno prosperoso, make up in cui regna il rosso: vermiglio su labbra e unghie, e tanta voglia di mostrare!

 

Non per niente l’ intimo diventa un must. Ecco apparire corsetti, bustier, baby doll ultra sexy e reggi calze. Proprio le calze sono un punto di forza: a rete oppure color carne con la riga dietro nera, tutto completato da altissime decoltè nere o rosse, di vernice o pelle.

Ma sono soprattutto uno sguardo sereno e uno smagliante sorriso ad essere determinanti per il successo di questa figura.

Seduttrici sì, ma senza intimorire gli uomini, al contrario l’ immagine deve essere rassicurante, grazie anche alle curve  morbide e generose.

Le Misure di una Ragazza Pin Up

La tipica Pin Up è infatti una taglia 44 o 46, ben proporzionata, niente a che vedere con le spigolose modelle dall’ aspetto emaciato che affollano le odierne riviste patinate.

Curve, tante curve, di cui essere fiere e che agli occhi dei maschietti facevano apparire queste donne  golosi bignè…

L’intimo anni 50 si sposa perfettamente con fianchi torniti, sederi sporgenti e seni floridi, descrizione a cui risponde fedelmente  Marilyn Monroe. L’ espressione innocente e un po’ distratta ed il suo fisico esplosivo la fanno entrare di diritto nella lista delle bellezze anni 50 per antonomasia. Come lei, ma oltre oceano, Brigitte Bardot e Sofia Loren, veri e propri miti indelebili, copiatissime oggi come allora.

 

Se proviamo però a pensare a quegli anni c’è un’ immagine che ci viene subito in mente: carnagione pallida e lunare in contrasto con una chioma corvina arricciata in punta e la tipica frangetta bombata, marchio di fabbrica di Bettie Page, dichiarato modello, niente meno che dell’ odierna regina del burlesque Dita Von Teese.

Come ogni stile, anche questo ha la sua musa e la Page è sicuramente la più rappresentativa icona del Pin up style. Da modella statunitense a icona di bellezza, imitata tutt’ oggi da starlet e popstars come Katy Parry, la ribelle Bettie oltre a posare per fotografie di moda e come Pin Up è apparsa anche in scatti di genere fetish, scelta audace e molto moderna, proprio come lei.

Written by urbanattitudeblog

31 maggio 2011 a 10:26

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: